venerdì 1 novembre 2013

allattamento: gioie e dolori. anzi prima dolori poi gioie.

Abbiamo iniziato male. Lei era piccolina e non si attaccava, in ospedale non mi hanno seguita per niente e così siamo usciti da lì con la famosa aggiunta e l'uso dei paracapezzoli. Due notti in ospedale di disperazione perchè non si attaccava e ovviamente non voleva neanche il bibe, giorni tremendi a casa con il seno da cui non usciva neanche una goccia e il tiralatte sempre vuoto. Piangevo sempre, disperata. Attaccavo la bambina e dopo pianti, miei e suoi, cedevo all'aggiunta. Non dimenticherò mai gli occhietti che faceva quando le davo il biberon e se lo scolava in venti secondi. Riconoscenti e sorpresi.
Ma io volevo allattare. Lo volevo con tutta me stessa.
Allora vai col tiralatte. Attaccavo lei, pianto, aggiunta, sterilizza bibe, fai tiralatte. Tutto questo ogni ora, anche la notte. Ero mezza morta.
Poi è arrivata la famigerata montata. Improvvisamente le tette mi scoppiano. Ma la piccola ancora non si attacca bene.  E' deboluccia e si addormenta al seno, devo continuamente stimolarla. Continuo col tiralatte su consiglio dell'ostetrica del consultorio, in questo modo stimolo il seno visto che la piccola non lo fa e tolgo l'aggiunta. Chiedo anche l'aiuto di una consulente dell'allattamento.
Passano altri giorni da incubo, stimolare lei continuamente mentre allatto, tiralatte che mi ferisce tutto. Poi l'incubo della bilancia, l'incubo dell'orologio  (quanto tempo sta attaccata? Ogni quanto?) e a complicare tutto i commenti non richiesti di tutti, dal suocero (che chissà come è esperto di allattamento) alla vecchietta incontrata per strada che si improvvisa pediatra. E tutti a dire: ma beve? ma ciuccia? ma cresce? ma quanto cresce? ma perchè non gli dai l'aggiunta? piange perchè a fame. Dorme perchè è debole visto che non mangia. Non dorme perchè non mangia abbastanza. Quanto pesa? E' piccolina. E' secchetta. Ma ancora la attacchi, ha mangiato adesso! Ma ai miei tempi aspettavo tre ore. Ma la attacchi sempre così spesso? Ma beve o la usa come ciuccio? Ma si addormenta al seno? Ma perchè non usi il ciuccio?

Così il primo mese è faticoso come non avrei mai immaginato neanche lontanamente. Altro che parto!
Poi finalmente miglioriamo, lei si attacca (ma sempre coi paracapezzoli) e tutti i giorni è un tetta party. Lei, come è giusto, vuole stare sempre attaccata. Sempre. Non esisto più. Esistono solo lei e le mie tette. Non ho tempo di mangiare, dormire, fare pipì. Letteralmente.
Passa anche il secondo mese. E continua il tetta party.

Poi intorno ai tre mesi lei da sola si regolarizza, le poppate diurne diminuiscono e io ho di nuovo una vita mia! Ovvero riesco a fare pasti normali, posso lasciarla un'ora per andare dall'estetista sicura che se ha appena poppato avrò un margine di libertà. Mia madre o mio marito possono uscire a fare una passeggiatina con lei e lasciarmi a casa a dormire.

Ora siamo quasi a quattro mesi e posso felicemente dire che io e la mia piccola andiamo alla grande! Ovviamente non abbiamo orari (le tre ore sono solo una cosa inverosimile inventata per tormentare le madri). Abbiamo anche eliminato i paracapezzoli (sempre con non poca fatica). Lei cresce il giusto, è lunga e secchetta (per fortuna ha ripreso la costituzione longilinea dal padre!) e adora le mie tette (oddio, anche questo l'ha ripreso dal padre...).
Che tenerezza che mi fa quando la metto in posizione e lei già si acquieta perchè capisce che sta per mangiare! O quando apre la bocca come un uccellino. Quando con la manina mi tiene il seno. Quando dopo un po' che non ci vediamo, ad esempio se va a passeggio con mia madre, mi vede e apre la bocca e mi cerca. Quando è così affamata che come la metto giù (ci piace mangiare distese sul lettone quando siamo in casa) cerca con la boccuccia e nella foga del momento in bocca gli ci va a finire la manina e se la ciuccia.

E' stata dura. Tanto. Come non avrei mai immaginato. Avevo in mente un allattamento da film, nessuno ti dice invece che nella realtà non è così.
Però ora posso dire con orgoglio che sono momenti unici da passare con mia figlia, di una tenerezza infinita. Quando siamo lì, io e lei, solo noi, unite ancora una volta, e me la guardo e la accarezzo e sento dentro di me così tanto amore che sembra esplodermi il cuore.

P.S. Lasciate in pace le madri. Qualsiasi scelta facciano per loro e il loro bambino.












16 commenti:

  1. Oh mamma, hai descritto tutto un modo esemplare, sia le pene che le gioie. Forza forza che ormai hai superato lo scoglio delle prime settimane e ora sara' sempre piu' facile. Sei stata bravissima! (io fossi stata in te avrei gia' avuto un esaurimento da mancanza da sonno, a tirarmi il latte ogni ora O_o)

    RispondiElimina
  2. eh infatti non immagini come stavo quei primi giorni tra stanchezza del parto, un pochino di baby blues, la mancanza di sonno, la mancanza di latte...per fortuna ne è valsa la pena!

    RispondiElimina
  3. Povera Frida, che periodo!
    Io non ho passato niente del genere. La mia bimba si e' attaccata subito, sembrava andare tutto bene, ma non e' mai avvenuto quel che tu racconti del tetta party. E infatti dopo un mese il mio latte e' svanito siamo passati all'artificiale senza problemi.
    Col senno di poi e leggendoti, non ce l'avrei mai fatta, qui da sola e con l'obbligo del college.
    Pero' posso dirti che le persone, tante, mi hanno rotto i maroni lo stesso.

    RispondiElimina
  4. Lucy certo che se sei tornata subito al college portare avanti l'allattamento esclusivo al seno era impossibile(a meno di impazzire con tiralatte, latte da congelare e qualcuno disposto a darglielo...ma è da matti appunto), così come per chi torna al lavoro. Io ho la fortuna di poter stare a casa e portare la bimba sempre con me quindi...che tetta party sia!

    RispondiElimina
  5. Brava! Io non sono riuscita!
    Dopo 40 giorni di bibe + tiralatte + i consigli di chiunque passasse di lì, mi sono arresa, non ne potevo più!
    Brava! :)

    RispondiElimina
  6. prici purtroppo la cosa peggiore sono i tremila consigli discordanti che ti vengono dati da chi non ci capisce niente! A me mi ha salvato la consulente della lega del latte e l'ostetrica del consultorio. A volte hai solo bisogno di qualcuno che ti sostenga e ti dica che ce la puoi fare!

    RispondiElimina
  7. Povera Frida :(
    Io proprio non capisco perché le persone continuano a dare consigli (a volte sono quasi imposizioni) quando non sono richiesto.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  8. ...sfondi una porta aperta...io non sopportavo nessuno. Ho mandato a stendere i "consiglieri" più di una volta...Comunque sei stata bravissima con l'allattamento. Io sono della sponda opposta. Non ho allattato perchè non mi è venuto il latte. Ma non ho patito per nulla questa cosa anzi lo rifarei. Vabbè sono stata fortunata perchè Olivia non ha avuto mai problemi. Mangiava ogni 4 ore e a tre mesi dormiva già tutta la notte (la famosa bdc!!!)però non ti dico le pressioni che ho ricevuto all'inizio...Tutti a insistere che dovevo allattarla...Io continuavo ad attaccarla alla tetta e l'ho fatto per 20 giorni...ma il latte non veniva e io già ero depressa per conto mio...figurati a sentire gli altri che mi riempivano la testa con i loro consigli!!!! Poi anche col fatto delle 4 ore...non ti dico...Ogni volta che frignava un po' subito tutti a dire: ha fame...dalle da mangiare! Ma cosa volete saperne tutti quanti????? Guarda...è veramente una rottura!Ti capisco tanto!
    Dai Frida...adesso che hai cambiato blog postaci una fotina della tua meraviglia! La voglio vedere! Un abbraccio forte a te e a lei!

    RispondiElimina
  9. Insomma: se allatti ti dicono di dare l'artificiale, se non allatti ti rompono perchè non allatti! ma insomma! Già siamo stremate dal parto e dai nostri piccoli...invece di aiutarci ci tormentano!

    RispondiElimina
  10. Che bello trovarti qui! Io capisco benissimo quello di cui parli, ero sconvolta anche io da quanto fosse difficile. I consigli un incubo da dimenticare. Sei stata bravissima, anche io ho resistito alle difficoltà e mi sento orgogliosa come me. È stata una conquista. Un bacino a tutte e due

    RispondiElimina
  11. teso al tin per vedere se pappava un bimbo..lo pensavamo prima della pappa e dopo...così facevano per i bimbi allattati al seno..nei dubbi una bilancia da neonato...avrei voluto tanto allattare ma non è stato...il ciuccio aiuta a stimolare la suzione :-)e le poppate niente orari tutto a bedarf cioè quanto si sente:-)tutto andrà meglio:-)scoprirai a conqustare nuovi tuoi tempi ...più cresce,tutto è più facile:-)baciò

    RispondiElimina
  12. teso al tin per vedere se pappava un bimbo..lo pensavamo prima della pappa e dopo...così facevano per i bimbi allattati al seno..nei dubbi una bilancia da neonato...avrei voluto tanto allattare ma non è stato...il ciuccio aiuta a stimolare la suzione :-)e le poppate niente orari tutto a bedarf cioè quanto si sente:-)tutto andrà meglio:-)scoprirai a conqustare nuovi tuoi tempi ...più cresce,tutto è più facile:-)baciò

    RispondiElimina
  13. Sono tanto felice di ritrovarti e qui è di godere ancora dei tuoi racconti con lei.
    Raffaella

    RispondiElimina
  14. Sei davvero tenace! Complimenti <3

    RispondiElimina
  15. ti capisco benissimo! Ho avuto la stessa esperienza con la mia prima bambina Alice. Sognavo un parto felice - con tutti i dolori che necessariamente si devono provare- e invece in ospedale è stato un incubo, poi non si è attaccata al seno e sempre in ospedale non ho avuto alcun sostegno, ogni infermiera del nido diceva la sua e ogni versione era diversa dalla precedente. Io ero distrutta dal parto, non riuscivo a dormire e lei non si attaccava nonostante tentassi di stimolarla come mi veniva detto. Poi il terrorismo psicologico: è diminuita troppo non la dimettiamo e via a tirarmi il latte e distruggermi i capezzoli e poi l'aggiunta ed io che piangevo. Fino a quando un'infermiera mi ha dato dei paracapezzoli e così Alice si è attaccata. Tornate a casa è iniziato il calvario delle 13 poppate al giorno da un'ora ciascuna, e lei sempre che si addormentava al seno e l'incubo della bilancia e tutti che dicono la loro. Poi aspetti la fine del primo mese quando ti dicono le cose dovrebbero cambiare e questa fine non arrivava mai. Poi arriva e non è cambiato molto, allora il prossimo traguardo sono i 3 mesi…e così via. Alice dopo i 3 mesi è diventata più forte ed è riuscita ad attaccarsi al seno senza paracapezzoli da quel momento anche la crescita è decollata! Adesso ho fra le braccia una seconda bimba e le cose sono andate diversamente, si è attaccata subito e senza paracapezzoli…le mille avventure di una mamma….

    RispondiElimina
  16. Sara&amp;Olivia26 maggio 2015 17:38

    a me a fronte di un calo di peso della mia bimba al primo mese hanno dato l'integrazione...e ora al secondo mese stiamo lavorando per eliminarla. Che fatica. ogni giorno è diverso..a volte ti sembra che il tuo latte sia aumentato, altre che sia sparito, tua mamma che ti intima "non toglierle l'aggiunta" come se tu fossi un'aguzzina che tenta di affamarla, tuo babbo persino che ti dice "ma non è meglio se fai dieci minuti per seno? La pediatra poi non ne parliamo...e il tiralatte che non tira più di 30ml per volta da entrambi i seni...speriamo di resistere!!!

    RispondiElimina

grazie per essere passato di qui!